Chiesa Parrocchiale Santa Maria Assunta in Cielo

...

Chiesa "matrice", edificata sulle rovine della preesistente edificando nuova Chiesa, crollata ancora incompiuta a seguito del terremoto di Amatrice del 1702. Era l'unica costruzione "nuova" del borgo. Venne riedificata grazie ad un "legato testamentario" di Paolo Leonardi ed al contributo della comunità. Benedetta nel 1740, consacrata nel 1743, il 3 Maggio. A navata unica, presenta sei cappelle. Il fonte battesimale-acquasantiera, di fattura cinquecentesca, e la pala d'altare attribuita a Bartolomeo Torresani sono provenienti da San Valentino. Sono conservate nella Chiesa due statue della Vergine, una della quali raffigurante la "Madonna di Piedirocca", una statuetta di San Valentino patrono ed una teca contenente un Santo, apparentemente una ricostruzione raffigurante, forse, un tale San Feliciano, Vescovo in Spoleto o Foligno, che consacrò Valentino Vescovo di Terni.